D.LGS. 3 MARZO 2011, N. 28 “ATTUAZIONE DELLA DIRETTIVA 2009/28/CE SULLA PROMOZIONE DELL'USO DELL'ENERGIA DA FONTI RINNOVABILI (RECANTE MODIFICA E SUCCESSIVA ABROGAZIONE DELLE DIRETTIVE 2001/77/CE E 2003/30/CE)”

definisce gli strumenti, i meccanismi, gli incentivi ed il quadro generale necessari per raggiungere gli obiettivi europei fissati al 2020 dalla Comunità Europea, secondo i quali l’Italia dovrà coprire il 17% dei consumi finali di energia mediante fonti rinnovabili. 

Cosa prevede?




1 - Incentivazione degli impianti fotovoltaici

2 - Uso delle rinnovabili negli edifici nuovi e da ristrutturare
L’art.11 stabilisce che i progetti di edifici di nuova costruzione ed i progetti di ristrutturazioni rilevanti degli edifici esistenti devono prevedere l'utilizzo di fonti rinnovabili per la copertura dei consumi di calore, di elettricità e per il raffrescamento secondo i principi minimi di integrazione e le decorrenze di cui all’allegato 3 al decreto. L’inosservanza dell’obbligo comporta il diniego del rilascio del titolo edilizio

3 - Certificazione energetica
All’art. 13 si prevede che, nei contratti di compravendita o di locazione di edifici o di singole unità immobiliari, sia inserita apposita clausola con la quale l’acquirente o il conduttore danno atto di aver ricevuto le informazioni e la documentazione in ordine alla certificazione energetica degli edifici. Nel caso di locazione la disposizione si applica solo agli edifici e alle unità immobiliari già dotate di attestato di certificazione energetica

4 - Incentivazione della produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili
L’art. 24 del decreto prevede un nuovo sistema di incentivazione, in sostituzione di quello esistente basato sui certificati verdi, da applicarsi agli impianti che entrano in esercizio a decorrere dal 1° gennaio 2013

5 - Incentivazione della produzione di energia termica da fonti rinnovabili e per l’efficienza energetica, per interventi di piccole dimensioni
Si richiama l’attenzione sull’art. 28, comma 1, ove è previsto che gli interventi di produzione di energia termica da fonti rinnovabili e di incremento dell'efficienza energetica di piccole dimensioni, realizzati in data successiva al 31 dicembre 2011, siano incentivati sulla base dei nuovi seguenti criteri generali:
a) l'incentivo ha lo scopo di assicurare una equa remunerazione dei costi di investimento ed esercizio ed é commisurato alla produzione di energia termica da fonti rinnovabili, ovvero ai risparmi energetici generati dagli interventi;
b) il periodo di diritto all'incentivo non può essere superiore a dieci anni e decorre dalla data di conclusione dell'intervento;
c) l'incentivo resta costante per tutto il periodo di diritto e può tener conto del valore economico dell'energia prodotta o risparmiata;
d) l'incentivo può essere assegnato esclusivamente agli interventi che non accedono ad altri incentivi statali, fatti salvi i fondi di garanzia, i fondi di rotazione e i contributi in conto interesse;
e) gli incentivi sono assegnati tramite contratti di diritto privato fra il GSE e il soggetto responsabile dell'impianto, sulla base di un contratto-tipo definito dall'Autorità per l'energia elettrica e il Gas (AEEG).

 


Dal 4 al 6 maggio Gruppo Imar a Solarexpo-Green building



Gruppo Imar sarà presente alla manifestazione fieristica all’interno del Padiglione di Green building nella categoria:
efficienza energetica negli impianti tecnologici
riscaldamento e climatizzazione estiva – illuminazione – home & building automation

L’esposizione della fiera riguarderà inoltre:
efficienza energetica nell’involucro edilizio & architettura sostenibile
coibentazione termica e acustica – infissi, vetrature, facciate continue e involucri architettonici ad alte prestazioni – schermature solari – illuminazione naturale – architettura solare – architettura in legno – bioedilizia

sostenibilità del ciclo dell’acqua in edilizia
sistemi domotici per il risparmio idrico – impianti completi per il riciclo delle acque – fitodepurazione – tecnologie per il ciclo dell’acqua

il verde nell’ambiente costruito
componenti per il verde pensile – sistemi completi per tetti verdi e giardini pensili – greening di spazi urbani

Vieni a trovarci al padiglione 6 stand 7.1
Quali novità per il 4° conto energia?

Il terzo conto energia sarà infatti in vigore fino al 31 agosto 2011. Dal primo settembre entrerà in vigore il quarto conto energia che in estrema sintesi prevede :

  • un premio sull’incentivo per gli impianti fotovoltaici che vanno a sostituire i tetti in amianto, non del 10% come previsto dalla bozza, ma 5 €cent/kWh.
  • Un premio del 10% a chi installa pannelli fotovoltaici italiani o europei.
  • la modifica della definizione di piccoli impianti che ora saranno quelli fino a 1 MW di potenza su edifici, inferiori a 200 kW a terra, su edifici delle P.A. di qualsiasi potenza
  • Misure incentivanti per i condomini con impianti fino a 20 kw di potenza.

I tetti di spesa per i grandi impianti sono così fissati: 300 milioni di euro per il 2011, 212 per il primo semestre del 2012 e 161 per il secondo semestre del 2012, che dovrebbero consentire l’installazione di circa 2.700-3.000 MW.

Dal 2013 entrerà in vigore il modello tedesco. Per i grandi impiantisarà istituito un registro gestito dal GSE.

Rexnova S.r.l. tel. + 39 0523 850513 | P.IVA 02865240986 | bsp@g20engineering.com | www.aircontrol-pc.com