Risparmio energetico e finanziaria: le detrazioni del 55% per sostituzione impianto termico e installazione di pannelli solari
image
La Legge del 24 dicembre 2007 n. 244 (Legge finanziaria 2008) "Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato" pubblicata sul Supplemento Ordinario n. 285 della Gazzetta Ufficiale n. 300 del 28/12/07, in materia di risparmi energetici ed ecologia, ha prorogato gli incentivi fiscali previsti dalla scorsa legge finanziaria fino al 31/12/2010. Negli ultimi anni la normativa in materia è stata variamente modificata e determinata: dal D.M. del 19/2/2007, dalla Legge n. 244/2007, dal D.L. 185/2008, dalla Legge n. 2 /2009 e da ultimo dal Decreto Interministeriale del 6/8/2009. Le modifiche si riferiscono in particolare alle procedure da seguire per usufruire correttamente delle agevolazioni.

L’intervento di sostituzione dell’impianto termico è tra gli interventi agevolati. In particolare, gli “interventi di sostituzione degli impianti di climatizzazione invernale per cui è prevista una detrazione del 55% considerati dalla Legge Finanziaria 2008 riguardano “le spese sostenute per sostituzione, integrale o parziale, di impianti di climatizzazione invernale con caldaie a condensazione o con pompe di calore ad alta efficienza o con impianti geotermici a bassa entalpia”.

Inoltre è prevista una detrazione fiscale del 55% delle spese sostenute per “installazione di pannelli solari per la produzione di acqua calda per usi domestici o industriali e per la copertura del fabbisogno di acqua calda in piscine, strutture sportive, case di ricovero e cura, istituti scolastici e università”.

Con il decreto attuativo del 19 febbraio 2007 (Decreto edifici), come modificato dal decreto 7 aprile 2008, sono stati ben individuati gli interventi per i quali trova applicazione l’agevolazione fiscale.
Per quanto riguarda i succitati interventi, la Finanziaria prevede per le persone fisiche:
  • un rimborso del 55% della spesa sostenuta sotto forma di detrazione dall’imposta lorda sui redditi (IRPEF);
  • la ripartizione obbligatoriamente in 5 anni della detrazione fiscale (e non più da 3 a 10 a scelta del contribuente come previsto nel 2008) per le spese sostenute a partire dal 2009, entro un limite massimo di seguito precisato.
Il contribuente ha, quindi, la possibilità di recuperare la spesa sostenuta nelle successive denuncie dei redditi annuali sottraendo ogni anno dalla somma da pagare allo Stato, la quota annuale risultante del 55% di quanto ha investito per riqualificare il suo impianto termico e/o per installare i pannelli solari.
Questa possibilità è vincolata ad un limite massimo, come indicato nella tabella di seguito riportata:

TIPO DI INTERVENTO DETRAZIONE MASSIMA
riqualificazione energetica di edifici esistenti 100.000 euro (55% di 181.818,18)
involucro edifici (pareti, finestre compresi gli infissi, su edifici esistenti) 60.000 euro (55% di 109.090,90)
installazioni di pannelli solari 60.000 euro (55% di 109.090,90)
sostituzione degli impianti di climatizzazione invernale 30.000 euro (55% di 54.545,45)

In ogni caso, come tutte le detrazioni d’imposta, l’agevolazione è ammessa entro il limite che trova capienza nell’imposta annua derivante dalla dichiarazione dei redditi. In sostanza, la somma eventualmente eccedente non può essere chiesta a rimborso
Rexnova S.r.l. tel. + 39 0523 850513 | P.IVA 02865240986 | bsp@g20engineering.com | www.aircontrol-pc.com